Perchè il peso non diminuisce?

Già da alcune settimane osservate un dieta rigorosa, rinunciate al caffè e ai dolci, avvertite in continuazione il senso di fame, vi sottoponete ad esercizi fisici estenuanti, ma il peso continua ad essere lo stesso? Perchè ciò avviene? Cerchiamo di capirlo!

perche-il-peso-non-diminuisceI dietologi definiscono “effetto plateau”  la condizione in cui il peso si “blocca” e smette di diminuire. Effettivamente l’effetto del plateau non rappresenta un qualche disturbo o malattia. Si tratta solamente di una reazione naturale dell’organismo legata al processo dii dimagrimento.

In altre parole, l’organismo si è adattato al nuovo programma alimentare e agli esercizi fisici e adesso tenta di evitare ulteriori perdite di energia conservata sotto forma di riserve di grasso.

Tuttavia l’effetto plateau può manifestarsi non solo a causa di un rigorosa dieta o esercizi fisici. Esistono infatti altre ragioni per le quali il peso si blocca.

Prima ragione: malfunzionamento della ghiandola tiroidea

Se si è affetti da ipotiroidismo, la funzione della ghiandola tiroidea è ridotta. La mancanza di ormoni nell’organismo porta ad un rallentamento metabolico. Pertanto, finchè non si inizia trattarlo, il peso può rimanere a lungo allo stesso livello. E se non si intraprende alcuna misura, il peso potrà solo aumentare.

Seconda ragione: errata valutazione del volume delle porzioni

Gli psicologi fanno notare che la maggior parte delle persone valuta in modo errato il quantitativo di cibo consumato nell’arco di una giornata. Ed effettivamente risulta che esse mangiano mediamente il 20% in eccesso.

Vale decisamente la pena valutare l’effettivo volume di quanto mangiato nell’arco della giornata. E’ possibile che al pari di molte altre persone  che ritengono di nutrirsi come uccellini, semplicemente non ci si ricordi tutto quanto mangiato nell’arco della giornata.

Al fine di valutare correttamente il quantitativo di cibo consumato nell’arco di una giornata, è sufficiente condurre il monitoraggio del regime alimentare dieta, dopodichè si sarà in grado di capire se effettivamente si mangia poco.

Terza ragione: costante senso di fame

Per quanto possa sembrare strano, anche il digiuno può rappresentare la causa del fatto che il peso non diminuisce. L’organismo percepisce la notevole carenza di cibo come una minaccia nei propri confronti, per cui rallentando il metabolismo consuma meno energia, e di conseguenza i depositi di grasso si sciolgono più lentamente.

L’organismo include una modalità di risparmio nel caso in cui se per alcuni giorni consecutivi una persona consumi meno di 1200 kcal al giorno. Tale restrizione può essere ammessa solo una volta alla settimana, altrimenti il corpo rallenta il tasso metabolico e si otterrà l’effetto plateau.

Quarta ragione: gli stessi esercizi fisici di giorno in giorno

Cambiate tipo di allenamenti. Se finora nel vostro programma di dimagrimento non avete incluso allenamenti agli attrezzi o con i pesi, è ora di farlo. Tali esercizi accelerano il metabolismo e contribuiscono ad un attivo aumento della massa muscolare.

E, come si sa, i muscoli rappresentano il tessuto più energeticamente attivo del corpo che brucia calorie anche quando una persona riposa. Se vi siete occupati di danza, praticate il nuoto. Se in precedenza iniziavate gli allenamenti con esercizi fisici pesanti, questa volta iniziate con esercizi leggeri. Provate ad aumentare il tempo degli allenamenti di 10-15 minuti.

Quinta ragione: ritenzione di acqua nei tessuti

Paradossalmente, sebbene comprovato dalle ricerche, un insufficiente consumo di acqua porta alla ritenzione dei liquidi – l’organismo risparmia acqua. Al fine di espellere i liquidi dall’organismo in modo che non provochino gonfiori, gli esperti raccomandano di bere almeno 2 litri di acqua non gassata al giorno.

La ritenzione di acqua nei tessuti viene inoltre causata dal consumo di grandi quantitativi di cibi salati e piccanti. Un solo grammo in eccesso è in grado di trattenere 100 ml di acqua. Una breve limitazione nel consumo di sale riduce la scorta di acqua nell’organismo, contribuendo ad una temporanea perdita di peso.

In un modo o nell’altro, ciascun organismo reagisce in modo diverso al cambiamento del regime di alimentazione e all’aumento dell’intensità degli esercizi fisici. Se nonostante tutti i vostri sforzi il peso rimane lo stesso, l’importante è non rinunciare a tentare di combattere i chili superflui, non interrompere la dieta e praticare attività sportive.

Affinchè il peso riprenda a diminuire occorrerà apportare alcune leggere modifiche al vostro programma di dimagrimento. Provate ad aumentare l’apporto calorico della vostra razione, riducete temporaneamente l’intensività degli allenamenti e modificate il tipo di esercizi fisici.

E, cosa più importante, restate fisicamente attivi e positivamente intenzionati. In questo caso smaltirete i chili di troppo assai più facilmente e rapidamente.