Le diete più nocive per la salute

Per riuscire a dimagrire, di solito ci si mette a dieta. Di regola si mettono a dieta i giovani che cercano continuamente di sbarazzarsi dei chili di troppo per acquistare un aspetto attraente e sessuale.

le-diete-piu-nocive-per-la-salutePer lo più, le diete diventano popolari in primavera, nel periodo in cui si avvicinano le vacanze estive e la stagione balneare. Tra l’altro, le gli studi dimostrano che la maggior parte delle diete procura all’organismo più danni che benefici.

La dieta di per sè assicura un costante risultato solamente se la persona passa ad una sana alimentazione e ad un attivo stile di vita. Mentre nei restanti casi le diete procurano solamente un risultato a breve tempo in quanto possono violare il metabolismo e il funzionamento dell’apparato digerente.

Dieta di Atkins o dieta di proteine

Elaborata dal medico-cardiologo Robert Atkins, dieta si basa sulla limitazione del consumo di carboidrati e glucosio. La razione quotidiana è composta in gran parte di alimenti ricchi di proteine quali carne, uova, paté, formaggi, pesce.

La dieta di Atkins non prevede l’impiego di grandi quantità di frutta e verdura fresca. In piccole quantità vengono consentite verdure a basso contenuto di amido quali cetrioli, carote, sedano, peperoncino.

Danni. Un eccessivo consumo di proteine porta all’accumulo di chetoni (prodotto di incompleta ossidazione degli acidi grassi) e di intossicazione dell’organismo. La carenza di carboidrati contribuisce alla violazione del metabolismo dei grassi e delle proteine. La carenza di frutta e verdura nella razione priva l’organismo di molte preziose sostanze nutritive, causando il malfunzionamento del tratto digestivo.

Monodieta

L’essenza della monodieta consiste nel fatto che la persona consuma un solo prodotto. Le monodiete sono a base di riso, ricotta, mele, cavolo. Qualsiasi monodieta è estremamente sbilanciata e la perdita di peso avviene grazie alla perdita di massa muscolare.

Come mostrano gli studi, solitamente queste diete non forniscono un risultato costante e al loro termine la persona torna rapidamente al peso precedente.

Danni. La razione della monodieta è estremamente sbilanciata. Restrizione nei prodotti alimentari, priva l’organismo di sostanze nutritive quali proteine, carboidrati, grassi, vitamine, oligoelementi.

Tuttavia, anche l’eccesso di prodotti consumati è in grado di arrecare danni alla salute. Ad esempio, i grassi possono aumentare il colesterolo nel sangue, mentre i carboidrati il livello di zucchero.

Dieta a base di tè verde

Tutti da tempo sono al corrente dei benefici del tè verde, che contiene antiossidanti,tannino, e caffeina. Il tè verde accelera il metabolismo, aumenta la termogenesi e aiuta a bruciare calorie. Tuttavia, tutto ciò a condizione che si bevano al giorno non più di 2-3 tazze di questa bevanda tonificante.

La dieta a base di tè verde è facile da seguire, sebbene sia stressante per l’organismo in quanto la sua razione è assai limitata e non contiene quasi nessuna sostanza nutriente. Non si raccomanda di seguirla a lungo.

Danni. Il tè verde contiene catechine – antiossidanti naturali che neutralizzano l’azione dei radicali liberi. Un loro grande quantitativo nell’organismo promuove la lisciviazione attiva degli oligoelementi (ferro), mentre la sovrabbondanza di caffeina influisce negativamente sul sistema cardiovascolare.

Secondo i risultati di alcuni studi, il suo eccessivo consumo (più di 4 tazze al giorno) favorisce la formazione di di calcoli renali o cistifellea.

Disintossicazione a base di succhi

Dieta basata sul principio di un’alimentazione di due settimane la cui razione include solamente frullati di frutta e verdura e succhi di frutta fresca. Si ritiene che questa dieta aiuti non solo a perdere peso, ma purifichi anche il corpo dalle tossine. Mangiare durante la disintossicazione a base di succhi è proibito.

Danni. La dieta a base di succhi deve essere dosata con precisione, altrimenti i suoi benefici si trasformano in danni. I succhi di frutta e verdura, oltre allo zucchero  contengono anche acidi organici che irritano le membrane mucose dell’apparato digerente. L’acido contenuto nella frutta può causare la gastrite o l’ulcera gastrica, oltre a provocare la carie.

Dieta povera di grassi

Si tratta di un tipo di alimentazione particolare la cui razione è costituita da prodotti dal contenuto di grassi quanto più ridotto. Si ritiene che la limitazione dell’entrata dei grassi costringa l’organismo ad impiegare le proprie riserve di grasso in qualità di fonte di energia.

Danni. Se si rinuncia a lungo ai grassi può verificarsi una carenza di vitamine liposolubili quali А, D, E e К. Di conseguenza ha luogo una carenza vitaminica che prima di tutto colpisce l’aspetto fisico di una persona. La pelle diventa opaca e secca, le unghie e i capelli fragili.

Tale dieta è in grado di violare l’equilibrio ormonale nell’organismo corpo e di peggiorare il funzionamento di organi e sistemi.